"Il magico potere del riordino" di Marie Kondo

giovedì 16 luglio 2015



Avevo sentito parlare del “Metodo Konmari” sia su twitter che su facebook  curiosa avevo letto l’abstract su kindle rinviando l’acquisto ad un momento più tranquillo.

Quando una mattina sul lago ho visto questo libricino nelle mani della mia amica non ho saputo resistere, così è tornato a casa con me. Ho impiegato un po’ di tempo per leggerlo, perché pur essendo piccolo è ricco di contenuti. Penna alla mano mi sono segnata i concetti più importanti e a mio avviso utili. 






TITOLO: "Il magico potere del riordino"
AUTORE:Marie Kondo
GENERE: Manuale
PAGINE: 247
EDITORE: Vallardi A. 
EBOOK: 7.99€
CARTACEO: 11.82€

L’autrice è Marie Kondo, consulente domestica che dirige il corso “Lezioni di riordino e organizzazione per signore”. Nata e vissuta in Giappone, dove viene ritenuta la regina dell’ordine, a trent’anni il suo libro ha già venduto più di due milioni di copie, ma è anche in America che Marie è divenuta un culto dove manager e direttori, rigorosamente raccomandati, si rivolgono a lei per sistemare i loro loft con vista su Manhattan.


mariekondo
Il suo metodo, a mio avviso si ispira un po’ alla splendida Audrey Hepburn , “less is more” è il concetto con cui affronta le abitazioni che sistema, eliminando il superfluo.
Il sistema è pratico: bisogna dividere gli oggetti in categorie, i primi da affrontare sono i vestiti, i quali devono essere raccolti in un unico posto e toccati, sono le sensazioni che ci suscitano a dettarci quali tenere. Gli indumenti andranno riordinati nel seguente ordine:
  • Parti sopra
  • Parti sotto
  • Cose che vanno appese
  • Calze
  • Biancheria intima
  • Borse
  • Accessori
  • Vestiti stagionali
  • Scarpe
A seguire verranno esaminati: libri, carte, oggetti misti ed infine ricordi, questi sono tenuti per ultimi perché generalmente sono i più difficili da cui separarsi.
Il punto cruciale è tirare fuori tutto, ammucchiarlo sul pavimento, prenderlo in mano uno ad uno e decidere cosa farne.
Ovviamente il libro è infarcito di consigli pratici per esempio come piegare gli indumenti o come collocarli all’interno dei cassetti, il tutto è privo di illustrazioni, decisione presa dall’editore giapponese e mantenuta negli altri paesi di pubblicazione. Esistono però dei video, uno tra tutti questo, piuttosto interessanti in cui illustra i suoi metodi.
Leggendo il libro ci imbattiamo spesso nelle parole sensazione, emozione, consapevolezza, luogo sacro questo perché l’intento dell’autrice è quello non solo di riordinare le case altrui ma se possibile cambiargli la vita.



Quelle che generalmente io definisco psicoballe hanno un fondo di verità, l’ordine aiuta la mente ad essere più recettiva e sveglia, il caos assopisce e crea confusione nelle emozioni; la leggenda che una scrivania in disordine sia sinonimo di una mente brillante è un mito inventato da persone pigre; la scienza ci dice che la pulizia e l’ordine sono incentivi concreti per raggiungere il successo. L’attenzione e la meticolosità con cui si tratta il luogo in cui si abita rispecchia l’impegno profuso all’interno del lavoro.
Trovandomi quindi in accordo con Marie su questo punto ho riscontrato, però, una lacuna gigantesca all’interno del suo testo: quasi tutte le sue clienti vivevano da sole, o avevano pieno accesso alla vita delle persone che abitavano con loro. Questo vuol dire eliminare oggetti di altri, con che coraggio si può buttare qualcosa che non ci appartiene? Credo che la soluzione della signorina Kondo sia il divorzio, perché come lei stessa ammette una parte delle sue clienti dopo l’applicazione del metodo Konmari ha poi lasciato il marito.
Non credo che questa sia la soluzione migliore, ma non essendo io un’esperta in materia non ho ipotesi valide su cui basarmi, reputo però che possano esserci delle alternative: io per esempio ho gentilmente chiesto al mio compagno di leggere il libro, credo sia sepolto dai suoi documenti, spero solo che non l’abbia perso perché dovrei restituirlo.
Quindi alla fine dopo la lettura di questo interessante libro ricco di spunti mi chiedo, avrò mai la casa in ordine?

DESIGNED BY ECLAIR DESIGNS